James Harden, è fatta per il passaggio dai Rockets ai Nets

Definito trasferimento di Harden ai Nets
Harden (Wikimedia)

Definito il trasferimento di James Harden ai Nets. Vediamo i passaggi della complessa trattativa.

Definito il trasferimento di James Harden ai Nets
James Harden in schiacciata con i Rockets (Wikimedia commons)

James Harden è un nuovo giocatore dei Brooklyn Nets. Dopo i mugugni iniziati già dopo la fine dello scorso campionato, si è concluso lo scambio fra i Rockets e la squadra di Brooklyn.

La partenza di uno dei giocatori più forti del campionato americano appariva inevitabile, specie dopo le ultime dichiarazioni a seguito della sconfitta contro i Lakers. L’ex guardia di Huston ha affermato, in conferenza stampa, che i Rockets non erano pronti per lottare per l’anello, nonostante lui avesse fatto di tutto.

Lo scambio è uno dei più importanti e complessi degli ultimi anni e coinvolge altre due franchigie. Nella trade sono infatti coinvolti anche i Cleveland Cavaliers e gli Indiana Pacers, in uno scambio che comprende giocatori e scelte per i prossimi draft. I Pacers ottengono Caris Levert e una scelta al secondo giro del draft del 2023, cedendo Victor Oladipo ai Rockets, che prenderà il posto proprio di Harden. I Cavaliers invece, guadagnano Jarret Allen, altissimo centro, e Taurean Prince dai Nets, in cambio di diverse scelte ai draft da qui al 2027. Huston, oltre a Oladipo, mette le mani su una scelta al primo giro dei draft 2022, 2024 e 2026, oltre a Dante Exum dai Cavaliers e Rodions Kuruc dai Nets. 

James Harden Huston Nets
Harden e Durant quando erano compagni di squadra ai Thunders (Wikimedia commons)

James Harden troverà Irving e Durant, cosa cambia per i Nets

L’espressione più utilizzata dagli addetti ai lavori dopo l’ufficialità del trasferimento è “All-in”. Non si può definire altrimenti la mossa messa in atto dai Nets, dato che a questo punto è chiara l’intenzione di mettere insieme una squadra capace di vincere da subito, rinunciando a costruire nei prossimi anni.

La rinuncia alle chiamate importanti ai draft dei prossimi anni mette in chiaro una cosa: con il trio Harden, Durant, Irving i Brooklyn Nets hanno costruito una squadra con l’obiettivo dichiarato di arrivare subito all’anello. Non si punterà nel futuro a giovani capaci di crescere, ma si è virato verso i campioni.

Le domande restano comunque tante, vista la fama di “spogliatoio esplosivo” che già da prima dell’arrivo di Harden circondava Brooklyn. L’anno di esordio come allenatore di Steve Nash, gli infortuni che hanno costretto Durant a lunghi stop e la fama di bad-boy di Irving sono tutti elementi su cui riflettere. Dall’altro lato della medaglia ci sono le immense potenzialità della squadra che, con l’arrivo della guardia da Huston, si candida seriamente per la vittoria finale.